Parassiti del cane

Giardia ricorrente: che fare?

(Autore: Gioia Capelli - questo è un articolo dedicato ai veterinari non ai proprietari, viene riportato al solo scopo di dare informazione su cosa sia il parassiata della Giardia, quindi i consigli riportati sono da mettere in pratica sempre sotto la guida di un medico)

Ci capita sempre più spesso di fare diagnosi di Giardia nelle feci di cani e gatti, ma soprattutto molti colleghi ci chiedono aiuto per frequenti casi di infezione ricorrente.

Chiariamo subito che quasi tutti gli autori sono concordi nel credere che non si tratti di resistenza ai farmaci, ma ad un fenomeno di continua reinfezione dall’ambiente, visto che Giardia non induce una immunità permanente.

Nella tabella sottostante ho cercato di sintetizzare i principi attivi utilizzabili nel cane e nel gatto, con fenbendazolo e metronidazolo ritenuti i farmaci di elezione (ma alcuni nuovi stanno emergendo).

(clicca sull’immagine per ingrandirla)

Ma allora cosa fare in caso di Giardia ricorrente? In sintesi questo è un decalogo di trattamento tenendo conto di tutti i suggerimenti che ho trovato in letteratura (e anche dai colleghi):

  • tratta solo animali con sintomatologia, a meno che lo scopo del trattamento non sia quello di diminuire la contaminazione ambientale;
  • associa all’inizio e alla fine del trattamento il bagno (del cane…) con shampoo contenenti chlorhexidina;
  • togli l’animale dall’ambiente infetto, sempre che sia possibile (tenerlo in casa se di solito sta in giardino, cambiare parco ecc.);
  • asporta le feci dai giardini il prima possibile (le cisti di Giardia sono già infettanti nelle feci appena emesse);
  • usa la museruola se il cane ha l’abitudine di mangiare le feci di altri animali o le proprie;
  • riequilibra la flora intestinale con fibra + probiotici (i probiotici da soli hanno meno effetto);
  • ricerca ed elimina le concause (batteri, virus, stress, stati di immunodepressione…), Giardia è un agente opportunista;
  • nei canili ed allevamenti procedi ad una disinfezione ambientale con disinfettanti a base di 4-chloro-M-cresolo. Le alte temperature sono sempre efficaci, ma se usi vapore o acqua calda ricorda che l’ambiente umido residuo è per Giardia il paradiso.

Infine mi preme ricordare che le specie del cane e del gatto nella stragrande maggioranza dei casi non sono agenti zoonotici (G.canis, ex genotipo C/D e G.felis, ex genotipo F) e quindi i casi di infezione ricorrente possono essere trattati in tranquillità anche in presenza di bambini.

Autore: Gioia Capelli (fonte: http://www.izsvepets.it)

Veterinario dirigente, è responsabile del Laboratorio di parassitologia – SCS3 Diagnostica specialistica, istopatologia e parassitologia dell’IZSVe. Dal 2006 è membro dell’European College of Veterinary Parasitogy (DiplEVPC). I suoi interessi di ricerca riguardano l’epidemiologia delle malattie parassitarie, con particolare riguardo ai metodi statistici applicati ai dati parassitologici, alla diagnosi delle malattie zoonotiche in animali domestici e selvatici e prodotti derivati, all’ecologia dei vettori e sorveglianza delle malattie trasmesse.

Conosci la Giardia - Ricordatevi sempre che:

Iscriviti alla newsletter

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok